stemma-confraternita

Nel 1908 un gruppo di abitanti di San Piero Agliana decideva di dar vita ad una Confraternita dedita al “Soccorso”. Questi volontari, guidati dall’allora Economo Don Adriano Mari, parroco di San Piero dal 1889 al 1944, pensarono alla Misericordia come all’istituzione capace di venire incontro alle esigenze assistenziali presenti nella comunità, e, aggregatisi alla Misericordia Madre di Pistoia, fondarono una “Squadra di Pronto Soccorso”.

In uno studio del Prof.Renato Risaliti si ipotizza che la Sezione della Misericordia di San Piero Agliana e la Squadra di ProntoSoccorso, costituiscano come una sorta di fratelli gemelli che sorgono a seguito di spinte economico-sociali distinte, in un territorio in cui lo sviluppo industriale era ancora latente, in cui era presente una struttura sociale povera, con le sue componenti rurali: braccianti, mezzadtri, affittuari, coltivatori diretti, piccoli possidenti e grossi possidenti, proprietari delle fattorie della zona.

In questo mondo contadino si verificavano in autunno e in inverno le periodiche esondazioni dei torrenti pensili (Calice, Bure, Brana, Ombrone), in primavera fame e malattie endemiche (aprile, maggio e giugno erano detti “mesi degli angeli” perché morivano moltissimi bambini malnutriti), in estate periodiche epidemie di tifo e di difterite provocate dalla mancanza di acquedotti e dall’acqua stagnante dei fossi.

I soci fondatori della “Squadra di Pronto Soccorso” si erano ispirati certo alla Misericordia “Madre” nata a Firenze nel 1244, o a quella di Pistoia, della quale quella di San Piero era considerata una sezione, ma avevano ripreso una secolare tradizione caritativa aglianese, che, a partire dalla prima metà del ‘500, aveva visto l’antica Compagnia del Santissimo Sacramento espletare per molti anni le opere di Misericordia verso i bisognosi in genere.

misericordia-agliana

Della Squadra di Pronto Soccorso infatti facevano parte molti fratelli della Compagnia, i quali decisero di esercitare in pratica le attività civili ed assistenziali previste dallo Statuto della Compagnia stessa, che in quel periodo era dedita quasi esclusivamente a funzioni e pratiche religiose Una lapide, incisa a memoria dei soci fondatori, recava scritto:

“L’anno del Signore 1908 in questo locale fu stabilita la sezione di Pronto Soccorso per merito del parroco Don Adriano Mari e dei popolani

BARONTINI PIETRO – BIAGINI ALFREDO – BARDI AMERIGO – CECCARELLI ITALO – CIPRIANI PAOLO – GUARDUCCI GUIDO – GIOVANNELLI PIETRO– GIOVANNELLI PASQUALE – INNOCENTI ROBERTO –  MASELLI EMILIO– MASELLI GUGLIELMO– MELANI FRANCESCO – MELANI ALFREDO– MALUSCI LUIGI– PAOLI VINCENZO – PALANDRI UGO – SANTINI FRANCESCO –TUCI CASIMIRRO – SANTINI LODOVICO – BALLI BRUNETTO – MANGONI ALIGHIERO

Alla loro storia e a quella di coloro che gli sono succeduti, si intreccia la storia di Agliana.

Cariche Magistrato 2019/2022

GOVERNATORE Ilaria Signori
VICE-GOVERNATORE Carlo Niccolai
SEGRETARIO Franco Benesperi
CONSIGLIERE Martina Marchetti
CONSIGLIERE Maria Grazia Muffi
CONSIGLIERE Elisabetta Tesi
CONSIGLIERE Francesco Chiti
CONSIGLIERE Matteo Maria Currà
CONSIGLIERE Bruno Tribotti
CORRETTORE Don Luciano Tempestini

Collegio dei Sindaci Revisori

PRESIDENTE Massimo Meoni
SINDACO REVISORE Nicola Melani
SINDACO REVISORE Maria Vittoria Pepe

Collegio Probivirale

PRESIDENTE Caterina Lamboglia
PROBIVIRO Tommaso Chiparo
PROBIVIRO Claudio Lucini